I mondi simbolici di riferimento

Nell’analisi del panorama di un settore, l’Osservatorio Meeting Point propone la definizione dei mondi simbolici di riferimento. Ogni mondo simbolico è composto da un insieme di riferimenti (notizie, dati, immagini, pubblicità, ecc.) che compongono un sistema di significati sufficientemente omogeneo: essi corrispondono ai riferimenti culturali disponibili ai consumatori nel momento in cui si avvicinano ad un prodotto.
Tenendo presente l’importanza ormai fondamentale che assumono i significati simbolici del consumo rispetto a quelli funzionali, la definizione dei riferimenti simbolici principali rappresenta uno strumento fondamentale per la comprensione delle dinamiche attuali e future del mercato. Da ogni mondo simbolico si possono trarre degli stimoli utili sia per la comunicazione che la realizzazione di prodotti coerenti con i significati  simbolici più rilevanti.
A titolo esemplificativo, riportiamo un breve excursus sul mondo simbolico dedicato alla Tradizione.
L’esposizione di tale Mondo Simbolico presenterà innanzitutto le fonti che lo sostanziano: dai mass media, ovvero trasmissioni tv come “Linea Verde”; “Linea Blu”; “Tg3 Ambiente Italia”, etc.; alle culture di consumo, come il successo degli agriturismo, la riscoperta del cibo tradizionale, anche fra i giovani (ristoranti tradizionali, sagre, ricorrenze), il turismo dedicato ai viaggi alla riscoperta dei luoghi tradizionali, le fiere dei prodotti e oggetti “country” (“Country Life”, fiere sui prodotti tipici) etc.; e così via, secondo un elenco significativo che includerà fonti come l’arte, le culture di gruppo, fonti scientifiche, etc.

Il Mondo Simbolico esporrà quindi i contenuti che lo sostanziano secondo una modalità prevalentemente iconografica e sintetico-descrittiva, secondo un approccio insieme simbolico e analogico, volto a rappresentare la molteplicità dei riferimenti culturali di cui si informa l’orizzonte di scelta del consumatore postmoderno.

Riportiamo di seguito una slide esemplificativa del mondo Tradizione, dedicata al tema del Radicamento Locale, in cui sono presentati i dati di riferimento più significativi.

tradizione light

A questa fase più descrittiva seguirà l’individuazione degli stimoli più coerenti e rappresentativi dell’universo simbolico analizzato, utili a pianificare sia campagne comunicative che innovazioni strategiche di prodotto.

 

 

Gli assi simbolico-funzionali 

Ogni tipologia di consumo presenta numerosi aspetti sia simbolici che funzionali, indagabili secondo possibili combinazioni di coppie di valori opposti (“dicotomici”). Una volta definite tali variabili di riferimento, sia per il simbolico che per il funzionale, selezionate in base al nostro oggetto d’indagine o focus particolare, si fa corrispondere ad esse due assi che intersecandosi  definiscono una sorta di mappa strategica di riferimento a 4 quadranti, all’interno della quale collocare gli elementi di indagine desiderati: trend, prodotti, servizi, competitors, mondi simbolici, etc. In particolare,  raggruppando i trend posti sugli assi si possono ricavare delle aree semantiche, ovvero delle aree di senso significative e descrittive delle relazioni fra i trend stessi, grazie alle quali suddividere e rendere più intellegibile l’insieme degli elementi costituitivi della mappa.

assi

Copyright © 2014. All Rights Reserved.